Visibilita

I social network: strumenti da “sfruttare” per ottenere visibilita’ sul web.

La visibilità è il primo stadio del "funnel di conversione" e i social network offrono, attraverso i loro "tool di profilazione" grandi opportunità alle aziende per comunicare al proprio pubblico di riferimento.

 

Il primo social network: un enorme database.

Facebook rappresenta un enorme database, con oltre 26 milioni di utenti iscritti in Italia e molto più di 1 miliardo nel mondo (gennaio 2014).

Con questi numeri, la presenza del proprio brand sul primo e più importante social network al mondo è un elemento da non trascurare nel piano di promozione della propria attività, tenendo presente che ben 17 milioni di italiani visitano Facebook ogni giorno.

Facebook nasce con l’idea di mettere in contatto le persone all’interno di una rete organizzata attorno a diverse ragioni sociali.

Il passo avanti è stata l’implementazione delle pagine brand e quindi la possibilità per gli utenti di interagire con le aziendeche ha reso Facebook il social network più utilizzato e presente nelle strategie di marketing. Infatti, oltre alla qualità dei contenuti e di un buon piano editoriale, è la condivisione l’elemento cardine alla base degli obiettivi della piattaforma che permette di incrementare così la visibilità della pagina e quindi del brand. Va da sé che la possibilità da parte degli utenti di commentare e interfacciarsi direttamente con l’azienda permette di costruire una relazione e fidelizzare gli utenti rendendo efficace la strategia di comunicazione.

Più la community cresce ed è reattiva, più considera autorevole il brand di conseguenza lo consiglierebbe ai suoi amici.

Ma per far sì che la gente “ne parli”, oltre a una buona attività di social care, è altresì necessario un investimento in inserzioni grazie al servizio Facebook Ads .

FACEBOOK ADS

Facebook ADS è un sistema di advertising che consente una forte profilazione del pubblico e la targetizzazione avviene per criteri demografici, geografici ma soprattutto d'interesse.
E oggi i criteri sono ancora più numerosi, permettondo profilazioni particolarmente articolate e mirate.

Il primo passo  è sceglire un obiettivo specifico, quindi promuovere una pagina oppure il proprio sito web. Successivamente,definire il proprio pubblico attraverso agli strumenti della piattafoma, ottenendo la stima della copertura raggiungibile e del budget da allocare. La definizione del budget avviene con il "budget gionaliero" (l'importa speso ogni giorno) e la programmazione può essere "continuativa" oppure definire una data di inizio e una di fine campagna.

I Post-sponsorizzati vengono pubblicati nella colonna delle "Sezione Notizie" (time-line) mentre gli Annunci-sponsorizzatiappaiono nella colonna di destra. Nella fase di pianificazione sono disponibili anche le "anteprime" degli annunci (compreso mobile) e avere una visione del layout nelle tre versioni: "Sezione Notizie", "Sezione Notizie mobile" e "colona destra".

• Retargeting: insegui i tuoi clienti quando navigano su Facebook

Il retargeting di Facebook segue la stessa logica del remarketing di Google ma il tutto avviene all'interno del social.

In pratica vengono creati degli annunci da mostrare su Facebook a tutti quegli utenti che hanno già visitato una pagina del nostro sito e quindi che hanno dimostrata interesse per una determinata offerta, argomento o prodotto.

Innanzi tutto è necessario generare il "pixel di monitoraggio" (un codice javascript) attraverso il pannello inserzioni di Facebook. Il codice va incollato nella parte alta della pagina dove vogliamo tracciare i visitatori.
Il "pixel di monitoraggio" si genera creando  il "pubblico personalizzato del mio sito web", che sarà quel pubblico a cui mostrerò i miei annunci. Si definisce esattamente, oltre al nome e descrizione, l'azione specifica che i miei utenti hanno compiuto sul mio sito, ad esempio: hanno visitato la pagina "www.miosito.it/miapagina". Impostare anche "Negli ultimi giorni" che è l'intervallo di tempo in cui gli utenti vengono salvati nel "pubblico personalizzato del mio sito web". Solitamente da 6 a 90 giorni.
Successivamente cliccando su "Crea" viene generato il "pixel di monitoraggio", da copiare e incollare nelle nostre pagine.

Infine si passa alla realizzazioni degli annunci (Facebook ADS) con offerte o prodotti che il mio utente ha già visto sul nostro sito e facendo leva sui suoi interessi, convincerlo a tornare per convertirlo in contatto o cliente.

É bene integrare questa attività con altre, come ad esempio quelle finalizzate ad avere visibilità, in questo modo oltre a creare i presupposti indispensabili del remarketing si ha una campagna più efficace.

Il Social network delle aziende e dei professionisti.

E’ il miglior strumento per fare personal branding, nasce con l’idea di mettere in contatto professionisti per aumentare produttività e successo. Solo in Italia raggiunge i 7 milioni di iscritti e più di 4milioni di aziende nel mondo.

Rispetto agli altri social l’utilizzo di Linkedin verte molto sull’informazione e la formazione, infatti la possibilità di aderire a gruppi tematici rende ancora più autorevole questa piattaforma proprio poiché la qualità dei contenuti è circoscritta all’area professionale.

Non meno il ruolo delle aziende che oltre a essere parte della rete può avvalersi dei suoi contatti.
Permette di costruire una seria e solida rete di contatti orientata al business e offre la possibilità di fare blogging direttamente sulla piattaforma.

L'opportunità più interessante per le aziende è indubbiamente le Linkedin ADS. Offre diversi criteri per generare il proprio pubblico di riferimento e contattare potenziali Clienti in ottica BtoB.

  • Nome azienda
  • Settore dell'azienda
  • Dimensioni dell'azienda
  • Qualifica
  • Funzione lavorativa
  • Anzianità
  • Scuola o Università
  • Campi di Studio
  • Laurea
  • Competenze
  • Gruppi
  • Sesso
  • Età

Le combinazioni di creare un'audience sono innomerevoli. Possiamo profilare secondo le nostre esigenze, si tratta di creare, testare e misurare. L'unico limite è la creatività

 

 

 

La più celebre piattaforma web per la condivisione e la visualizzazione di video in rete che oggi conta un miliardo di utenti. I video sono tra i contenuti più apprezzati e più condivisi dagli utenti, motivo per il quale YouTube sta man mano crescendo sempre di più anche in vista di un altro modo da parte degli utenti di interfacciarsi con il mondo dell’informazione, ne è un esempio il mondo del giornalismo e del mondo della tv.

La crescita dell’interesse ai canali YouTube è dovuta anche insieme all’integrazione con Google+ e alla possibilità di effettuare video conferenze (hangout) in live streaming sul canale YouTube, che ha dato a questo canale un’ulteriore boost, ponendolo oggi tra i più interessanti per il business.

La possibilità di caricare video realizzati anche con tecniche “low cost”, inoltre, fa di YouTube / Google+ un vero fuoriclasse in termini di opportunità per le aziende. Il successo di un video su YouTube, infatti, non è determinato soltanto o prevalentemente dalla sua qualità o dal modo in cui è stato realizzato, ma dall’idea che c’è dietro e dalla sua capacità di coinvolgere, emozionare e di rendere gli utenti partecipi.